giovedì 27 settembre 2012

Ce l’ho con Tim: nome, cognome, numero telefono del responsabile Organizzazione


Dovevo capirlo. La giornata era già iniziata maluccio…
Grazie a Tim è peggiorata. La colpa è anche mia che – stante la giornatina del cazzo – ho avuto un’idea dello ...stesso materiale. Non avendo a disposizione internet in un certo momento, decido di entrare in un punto Tim per fare una ricarica. Operazione che in sé dura un paio di minuti (se il sistema informatico di Tim funziona…cioè quasi mai).
Premetto: nessuna responsabilità del personale, che dev’essere abituato (e stufo) di sentire certe lamentele da parte dei clienti. Contrariamente, non sarei qui a scrivere ma in Questura.

Se avete la disgrazia di essere clienti Tim e avete provato l’ebbrezza di entrare in uno dei punti vendita avrete sicuramente notato quanto segue.

Non esiste un punto unico di convergenza dei clienti. L’”architetto” che ha “ideato” i negozi Tim ha escluso la presenza di un solo banco con il personale che riceve la clientela perché farebbe troppo ‘Poste’.
E, allora, ecco che mettiamo due banconi. Uno a destra e uno a sinistra. Non sia mai che si dica che Tim è faziosa. Meglio ancora, ha pensato l’”architetto” - lo stesso che deve aver ristrutturato la Rinascente occupandosi, in particolare, della disposizione per la discesa dal primo piano al pian terreno -  collochiamone uno in modo tale che, per vederlo, al cliente venga il torcicollo e il colpo della strega.

Non esiste una diversificazione per tipo servizio. Vale a dire: chiunque in qualsiasi dei banconi fa tutto e il contrario di tutto: dalla semplice ricarica, alla sottoscrizione di opzione, ai cambi, ecc. Così come puoi acquistare cellulari e smartphone. Diversamente da qualche anno fa, il personale non configura i cellulari. Quindi, lo compri, e poi chiami il 119 con il quale intrattieni una lunga conversazione per configurarlo a una serie di servizi.

Mettiamoci pure che c’è gente parecchio “indecisa”; qualche mononeuronico che farebbe meglio a usare il tam-tam ma, il tutto si traduce in: lunghi tempi di attesa. Tali che…potresti uscire per fare un po’ di shopping.
Sennonchè…

I negozi Tim non sono mica l’Anagrafe del Comune di Milano. Nei quali: entri, prendi il numero, vedi quanta gente hai davanti, esci: fai in giro, mangi qualcosa, vai anche a prelevare al bancomat, ecc.. e rientri. Ti siedi e aspetti ancora, ma sai di che morte devi morire.
Non così in un negozio Tim. Perché quando sei entrato e hai visto la disposizione del personale - se il torcicollo sopraggiunto ti concede ancora qualche movimento – ti guardi intorno per cercare quell’oggettino che, se non impostato da un bocconiano laureato in tecnologia delle seghe mentali, ti consente, schiacciando un pulsante di ricevere un biglietto con un numero.
Ma vuoi che in un Punto Tim ci sia una macchinetta che distribuisce biglietti con il numero d’attesa per clienti. Ma certo che no. Saremo mica all’Esselunga.

E, allora, riepilogando:
entri, cerchi la macchinetta distributrice dei biglietti numerici. Non la trovi. I banconi sono dislocati in due punti diversi, davanti a due banconi ci stanno dai due ai tre clienti. Stai in mezzo al salone, continuando a girare lo sguardo di qua e di là perché non sai quale operazione terminerà prima e non hai un cazzo di biglietto numerato per sapere quand’è il tuo turno.
Molto funzionale, non trovate?

Se poi ti capita – come spesso succede in questo paese di gente incivile – che quello che arriva per ultimo manco si pone il problema del “chi c’è prima di me”, ecco che, dopo essere stato lì con il torcicollo e le gambe divaricate aspettando che quelli davanti a te si spiccino, quello si presenta davanti al bancone e la tua attesa si prolunga (a meno che…tu passi alla violenza fisica).
In compenso, qualcosa di puntuale è arrivata. Non si è fatta attendere: la rottura di coglioni. Ed ecco che ti trovi a imprecare su chi sia il genio che ha stabilito l’impostazione, la tipologia di servizio dei punti vendita Tim.

A  questo punto, vorrei sapere:
  • nome, 
  • cognome, 
  • residenza,
  • numero telefonico ufficio, 
  • numero cellulare aziendale
di quella testa di organo sessuale maschile responsabile dell’Organizzazione e della Logistica di Tim.
Perché solo una testa di suddetto materiale può concepire una struttura come quella dei negozi Tim che sono l’opposto, dal punto di vista organizzativo, di ciò che dev’essere un funzionale servizio per la clientela.
Oggi ho perso parecchio tempo e mi è pure tornata l’artrosi cervicale. E, fortuna vuole, che nessuno mi è passato davanti… 

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento